Ruba formaggio e wurstel per 4 Euro e si becca 6 mesi di Carcere. CHE COGLIONE, sarebbe bastato farsi eleggere Presidente del Consiglio, avrebbe così potuto rubare 368 milioni e farla franca !!

.

.

zzz

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

.

.

.

Spinto dalla necessità aveva rubato qualcosa da mangiare in un supermercato per un valore poco superiore ai 4 euro. Condannato a 6 mesi di carcere !

Ribadiamo CHE COGLIONE !! Sarebbe bastato farsi eleggere Presidente del Consiglio come un Berlusconi qualsiasi e poter così frodare il fisco (e quindi RUBARE AGLI ITALIANI) 368 milioni facendola franca !!

Ecco la notizia:

Un trentenne senza fissa dimora di origine ucraina, denunciato per essersi appropriato diuna confezione di wurstel e di 2 pezzi di formaggioin un supermercato, per un totale di 4,07 euro, si è visto confermare la pena a6 mesi di reclusione con la condizionale dalla corte d’appello di Genova.
Confermata anche la multa di 160 euro inflitta in primo grado.

Il pg Antonio Lucisano aveva chiesto la derubricazione del reato in tentativo di furto spinto dalla necessità con la condanna a 100 euro di multa.

L’episodio risale al novembre del 2001, quando l’uomo venne sorpreso all’interno di un supermercato del capoluogo ligure, mentre tentava di nascondere la merce appena rubata sotto i vestiti.

Per un fatto simile, come riporta il Secolo XIX, il giudice aveva disposto l’imputazione coatta per un genovese di 28 anni, accusato di avere rubato una scatola di cioccolatini in un supermercato per un valore di 8 euro.

In questo caso il pm aveva “graziato” il ladruncolo valutando la lieve entità del danno e chiedendo l’archiviazione ma il giudice aveva accolto l’opposizione dei legali del supermercato.

n trentenne senza fissa dimora di origine ucraina, denunciato per essersi appropriato diuna confezione di wurstel e di 2 pezzi di formaggioin un supermercato, per un totale di 4,07 euro, si è visto confermare la pena a6 mesi di reclusione con la condizionale dalla corte d’appello di Genova.
Confermata anche la multa di 160 euro inflitta in primo grado.

Il pg Antonio Lucisano aveva chiesto la derubricazione del reato in tentativo di furto spinto dalla necessità con la condanna a 100 euro di multa.

L’episodio risale al novembre del 2001, quando l’uomo venne sorpreso all’interno di un supermercato del capoluogo ligure, mentre tentava di nascondere la merce appena rubata sotto i vestiti.

Per un fatto simile, come riporta il Secolo XIX, il giudice aveva disposto l’imputazione coatta per un genovese di 28 anni, accusato di avere rubato una scatola di cioccolatini in un supermercato per un valore di 8 euro.

In questo caso il pm aveva “graziato” il ladruncolo valutando la lieve entità del danno e chiedendo l’archiviazione ma il giudice aveva accolto l’opposizione dei legali del supermercato.